La Regione Emilia Romagna ha approvato il bando rivolto alle Piccole e Medie Imprese per favorire la realizzazione di diagnosi energetiche e l’adozione del Sistema di Gestione dell’Energia ISO 50001 in un unico sito produttivo presente sul territorio. Con delibera di Giunta nr. 344 del 20 marzo 2017,  la Regione ha attuato il programma regionale di promozione delle diagnosi energetiche e dei sistemi di gestione energia nelle PMI. E’ possibile presentare domanda di contributo per la realizzazione di:
– Diagnosi Energetiche eseguite in osservanza dei criteri di cui all’Allegato 2 del D.Lgs. 102/2014;
– Adozione di sistemi di gestione energia conformi alle norme ISO 50001 comprensivi di diagnosi energetiche eseguite in osservanza dei criteri di cui all’allegato 2 del D.Lgs. 102/2014.

Le risorse disponibili ammontano a 2.288.000 euro e il contributo è finalizzato a coprire il 50% delle spese ammissibili per la realizzazione degli interventi.

Quali sono i requisiti e i limiti posti dalla regione Emilia Romagna?

Soggetti ammissibili
Possono accedere ai contributi previsti dal bando le PMI, che sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • Non essere soggetti obbligati ai sensi dell’art. 8 comma 3 del DLgs 102/2014;
  • Avere il sito produttivo oggetto di domanda di contributo localizzato sul territorio regionale;
  • Essere regolarmente costituite da almeno due anni

Interventi ammissibili e criteri di ammissibilità
Sono ammissibili a contributo i seguenti interventi:

  • Diagnosi energetiche eseguite secondo i criteri del Dlgs 102/2014: il contributo sarà erogabile solo a seguito dell’effettiva realizzazione di almeno un intervento di efficientamento energetico, inclusi anche gli interventi di tipo gestionale, tra quelli con tempi di ritorno economico inferiore o uguale a 4 anni suggeriti dalla diagnosi energetica.
  • Adozioni di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001 comprensivi di diagnosi energetica secondo i criteri del Dlgs 102/2014: il contributo sarà erogabile solo a seguito dell’ottenimento della conformità del sistema di gestione dell’energia.

Le diagnosi dovranno essere obbligatoriamente condotte da ESCo, EGE o Auditor Energetici certificati. Il certificato di conformità del sistema di gestione dell’energia alle norme ISO 50001 deve essere rilasciato da un organismo terzo, indipendente e accreditato. Un medesimo sito non può essere oggetto di domanda di contributo sia per la diagnosi che per l’adozione del sistema di gestione.

Carattere ed entità del contributo
Il contributo è finalizzato a coprire il 50% delle spese ammissibili fino a un contributo massimo di 5.000 euro al netto dell’IVA per la realizzazione delle diagnosi e fino a un contributo massimo di 10.000 euro al netto dell’IVA per l’adozione del sistema di gestione.

Spese ammissibili
Sono ritenute ammissibili a contributo unicamente le spese documentate e quietanzate, al netto dell’IVA e sostenute dal beneficiario a partire dal 01/01/2017. Spesa minima ammissibile è pari a 1.000 euro al netto dell’IVA.

Non sono ammissibili spese relative a:

  • Realizzazione degli interventi di efficientamento energetico suggeriti dalla diagnosi energetica;
  • Acquisto di terreni, macchinari o beni usati, edifici;
  • Acquisto di SW e di dispositivi HW;
  • Consulenze per la presentazione della domanda di contributo;
  • Servizi per la predisposizione di documentazione diversa dalle diagnosi energetiche o diversa da quella di sistema di gestione dell’energia e relativa certificazione.
  • Sorveglianza e rinnovo della certificazione del sistema di gestione;

Presentazione delle domande
Le domande potranno essere presentate fino alle ore 17:00 del 30 giugno 2017. Dovranno pervenire alla Regione Emilia-Romagna tramite apposita applicazione web. Potranno essere redatte e trasmesse esclusivamente on-line. Ogni impresa può presentare fino ad un massimo di 2 domande di contributo.

Istruttoria
Il presente bando è un bando a sportello, che seguirà l’ordine cronologico di presentazione fino all’esaurimento dei fondi messi a disposizione dalla regione. Il termine massimo per la conclusione dell’istruttoria è di 60 giorni dalla presentazione della stessa, salvo interruzioni dovute a richieste di chiarimenti; la domanda di contributo non è integrabile.

Obblighi a carico del beneficiario
Per chi realizza la diagnosi:

  • Completare la diagnosi energetica entro il 31 dicembre 2017
  • Ultimare i lavori di almeno un intervento di efficientamento energetico, tra quelli suggeriti in diagnosi con tempo di ritorno economico inferiore o uguale a 4 anni, entro e non oltre il 30 giugno 2019;
  • Presentare entro 30 giorni dalla data di ultimazione dei lavori, la documentazione richiesta per l’erogazione del contributo.

Per chi implementa il Sistema di Gestione dell’Energia:

  • Completare la diagnosi energetica entro il 31 dicembre 2017
  • Adottare il sistema di gestione dell’energia conforme alle norme ISO 50001 entro il 31 dicembre 2017;
  • Ottenere il rilascio della certificazione di conformità del sistema di gestione dell’energia alle norme ISO 50001 entro e non oltre il 30 giugno 2019.
  • Presentare entro 30 giorni dalla data di rilascio della certificazione di conformità, la documentazione richiesta per l’erogazione del contributo.
  • Mantenere la certificazione della conformità del sistema di gestione dell’energia alle norme ISO 50001 per almeno tre anni dal rilascio della stessa.

KIRIS è composto da esperti in gestione di energia certificati UNI CEI 11339, effettua diagnosi energetiche secondo il decreto 102/2014 in previsione del rinnovo obbligatorio da effettuare entro il 2019.

Il nostro obiettivo è quello di iniziare un percorso di efficientamento energetico con le aziende, adottando dei sistemi di monitoraggio o rinnovando le tecnologie per raggiungere un risparmio economico attraverso l’impiego efficiente dell’energia.

Contattaci subito per avere maggiori informazioni riguarda il bando!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.